indietro

Cromaris ha registrato vendite da record a giugno

A giugno, la Cromaris ha registrato vendite da record, con oltre 956 tonnellate di pesce e di prodotti lavorati da pesce venduti, che rappresenta un aumento del 18 percento rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente. Anche il prezzo di vendita registra un aumento del due percento con il conseguente aumento di ricavi da vendita pari al 20 percento rispetto a quanto realizzato a giugno del 2019. Considerando invece i primi sei mesi dell’anno in corso, la Cromaris ha realizzato un lieve calo delle vendite, rispetto all’anno precedente, dovuto all’impatto della crisi causata dal coronavirus; però, grazie all’aumento dei prezzi di vendita pari al due percento, i ricavi dovrebbero raggiungere quelli dell’anno precedente.
“La Cromaris è riuscita a dare una svolta positiva ai trend negativi di vendita causati dalla crisi da coronavirus, realizzando un forte incremento di vendite nel corso di giugno. Questa è la conseguenza di costanti investimenti nella qualità e di adeguamento alle esigenze dei nostri consumatori. Nel corso della pandemia, la Cromaris ha fornito giornalmente i propri prodotti ai clienti, tra l’altro, anche in Italia. Contemporaneamente abbiamo lavorato sulle innovazioni e su nuovi prodotti. L’International Taste Institute di Bruxelles ha conferito al branzino Cromaris il premio Crystal Award, il più importante premio dell’industria del pesce mediterraneo. All’inizio del 2020, la Cromaris deteneva il 3,12 percento della quota di mercato dell’industria mondiale del pesce mediterraneo e siamo sulla strada stabile verso ulteriore crescita della nostra quota di mercato che andrà a confermare la Cromaris come uno dei leader mondiali del proprio ramo industriale.”, è quanto è stato riferito da Goran Markulin, direttore della Cromaris.